Un’importante azienda europea che lavora l’acciaio.

Chi lavora l’acciaio ed i metalli in genere, deve contare su superfici capaci di resistere ai pesi, agli urti violenti e al trascinamento dei carrelli.

Esattamente quello che ci chiede regolarmente una famosissima acciaieria, quando ci commissiona il recupero di qualche suo stabilimento.

Le foto di questo caso, riguardano quindi il recupero dei pavimenti di uno dei suoi tanti stabilimenti che lavora l’acciaio, risultati inutilizzabili con il tempo.

Come sempre succede, siamo partiti dal classico pavimento in calcestruzzo, bucato e sfaldato. Lo abbiamo fresato, pallinato e livellato con grande attenzione, per poi realizzare il pavimento ad alto spessore, nato per le necessità delle industrie siderurgiche pesanti.

Parliamo del pavimento Syntocret Industrial MS.

Il rivestimento più richiesto dall’industria pesante e dell’acciaio.

Syntocret Floor Industrial MS è un pavimento monolitico a sistema multistrato composto da quarzo sferoidale tedesco e resina epossidica.

Senza solventi e a due componenti, questo rivestimento resiste a compressione ≥ 55 N/mm², come da prova di laboratorio eseguita su campione di rivestimento in resina ancorato a supporto in calcestruzzo classe Rck 30 N/mm².

Il rivestimento è monocolore in base alla nostra tabella e fin dai sui primissimi impieghi, garantisce ottime resistenze meccaniche, chimiche e all’usura dal passaggio di carrelli e carichi pesanti.

È ovviamente impermeabile, antipolvere, antiolio e può essere realizzato anche con finitura antiscivolo.

Risponde alla normativa 81 del 2008, ha una classificazione di reazione al fuoco: Bfl – s1, equivalente ad UNI EN 13501-1:2009 che corrisponde alla normativa italiana: reazione al fuoco classe 1.

Centinaia di aziende lo stanno utilizzando in tutta Italia ed Europa.

Segnaletica da pavimento come finitura finale.

Come tutte le realtà italiane, anche questa azienda che lavora l’acciaio ha dovuto infine segnalare le vie d’esodo, per il rispetto delle normative legate alla sicurezza.

Sono così stati definiti tutti i corridoi e le vie d’esodo, grazie l’utilizzo del nostro prodotto creato per questi scopi: Permaground Segnaletica.

Perché viene scelto un pavimento Permac Resine

Svariate sono le sollecitazioni meccaniche e chimiche che deve sopportare il pavimento in un azienda vinicola:

• resistenza meccanica per passaggio di muletti, transpallet, carrelli elettrici;
• resistenza all’abrasione per trascinamento di gabbie, bancali, tubi e bocchettoni di raccordo;
• resistenza chimica per prolungato contatto con vino, olio, succhi acidi e prodotti aggressivi per lavaggio e pulizia;

Permac Resine interviene con tempi di posa brevi e senza interrompere il ciclo produttivo della cantina. Nessun odore o esalazione è infatti manifestata durante la posa e dopo la realizzazione. La nostra tecnica permette la realizzazione del rivestimento in resina senza demolizioni ed in tempi brevi su qualsiasi supporto.

Interveniamo sui pavimenti ammalorati o non conformi alle normative sanitarie come cemento, calcestruzzo, piastrelle ecc.

Garantiamo la correzione o costruzione delle pendenze, per migliorare la planarità e favorire la raccolta dei liquidi nelle canaline e nei pozzetti.

Grazie la qualità dei suoi prodotti e l’uso di personale altamente specializzato, il lavoro è garantito anche con una polizza assicurativa.

Ulteriori approfondimenti sui diversi tipi di rivestimenti sono disponibili in quest’area dedicata

Per maggiori dettagli cosulta la nostra guida pavimenti in resina, e per capire se è la soluzione adatta alle tue necessità  abbiamo preparato un articolo apposito per spiegare i tanti benefici: pavimenti in resina pro e contro.

Per ulteriori approfondimenti abbiamo preparato un articolo su pavimenti in resina prezzi e soluzioni.

Logo Permac Resine Treviso
Share This